giovedì 30 giugno 2011

Pane, amore e fantasia

........una volta, quando ero piccola, e non c'era l'abbondanza che c'è oggi nel cibo......la mia mamma prendeva delle fette di pane, anche se un po' raffermo, le passava nell'uovo e le friggeva...............come erano buone !



...e per merenda, su una fetta di pane bagnata con la semplice acqua, metteva un bel cucchiaio di zucchero....altro che merendine.....e poi sembravano più buone perchè.....c'era ancora la mia mamma!

Scamorza con funghi porcini

                                                                                Prendere una bella scamorza bianca...tagliarla a metà e porla in un piatto che regga il calore.....coprire con un filino d'olio e mettere in forno caldo per due minuti...
Intanto con uno spiccjio d'aglio e olio rosolare due etti di funghi porcini ben puliti e tagliati a fettine.....Ciò fatto, tirare fuori dal forno e porre sopra i funghi trifolati, rimettere in forno per pochi minuti.
....                                                                          Dose per due persone.

altri 3 colmi divertenti.....

...quale è il colmo per un contadino?.....non capire un cavolo !


   quale è il colmo per un matematico?  ....tornare a casa e trovare la sua metà...con un terzo......


 
quale è il colmo per una pettegola?.......aver perduto la parola.


.......a proposito del lago di Tovel.....

.......ringrazio l'anonimo che mi  ha corretto su di un errore sul lago di Tovel.............tutti possiamo sbagliare.....

                                                   tunni vianello...

mercoledì 29 giugno 2011

esperienza....

.....l'esperienza....un pettine che la vita ti da dopo che hai perso i capelli.................

apparenze....

......ognuno vede quello che tu pari...
      pochi sanno quello che tu sei.........

Italia mia......" Lago d'Averno e Monte Miseno " Napoli

Nell'antichità non c'erano dubbi i cattivi precipitavano nel Lago d'Averno, i buoni assurgevano al Monte di Miseno..L'inferno e il paradiso degli antichi.....
La fantastica mitologia di allora identificava questi luogji con il misterioso oltretomba...
L'Averno, in effetti, offre spazio all'immaginazione per le sue acqua scure  ed immobili, e per la solennità del paesaggio circostante, è realmente uno scenario infernale  in quanto trae origine dal cratere di un vulcano spento, in parte ora prosciugato e bonificato, dove - narra la tradizione - non c'era possibilità di vita.

Persino gli uccelli che sorvolavano la distesa d'acqua cadevano morti nel lago.
Oggi sappiamo che ciò accadeva per le esalazioni
acide del vulcano spento, ma gli antichi pensavano
che ciò fosse dovuto a strani sortilegi-
Il lago d'Averno fu chiamato....lago senza uccelli.      Ritenevano inoltre che nel suo profondo vi fosse una grande cavità attraverso la quale si penetrava nel luogo di dannazione...L'inferno...in cui Caronte traghettava le anime dei morti................

Miseno era invece considerato la sede dei campi Elisi, il Paradiso, dove tra boschi, prati, fiori e grandi delizie , gli eroi trascorrevano le loro giornate senza tempo.

Virgilio descrisse il lago d'Averno e il Monte Miseno come luoghi che , con voce antica, ci parlano di sofferenze e beatitudini legate ad un lontano passato, intrecciato di storia e di fantasia.           Così mi hanno raccontato, così mi piace credere alle ...leggende.
resti del Tempio di Apollo

Rigatoni alla sgarrupata......

Per 4 persone
Ingredienti:  350 gr. di rigatoni o calamarata
                    200 gr di pisellini primavera ,con mezzo cucchiaino di zucchero
                    200 gr. di zucchine romanesche freschissime
                    1 porro
                    50 gr. di speak. olio, sale, pepe, pecorino
                    2 cucchiai di crema di latte
                    2 cucchiai di acqua di cottura della pasta

Preparazione:
                     Rosolare il porro affettato sottilmente. aggiungere i pisellini e le due zucchine tagliate a pezzettini. e portare a cottura a fuoco lento.
Intanto lessare la pasta al dente. Versarla nella padella, aggiungere lo speak tagliato a striscioline, la panna e 2 cucchiai di acqua di cottura, sale  e pepe e abbondante pecorino.   Ma sì...aggiungiamoci anche un filino di olio  a crudo. Chi non ama il pecorino può in alternativa usare il parmigiano.

martedì 28 giugno 2011

natura.....

la natura......non è distratta...sa quello che fa



d'inverno quando non serve l'ombra.........
l'albero perde le foglie.......!!!!!!!!!!!!!!!!!

tempo.....

      tempo non fuggire.....................fermati............io non ce la faccio più a correre.............voglio ancora vederti.....sei troppo bello!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

lunedì 27 giugno 2011

involtini di peperoni


Per 4 persone.   Ingredienti: 2 peperoni rossi
                                              8 fettine sottili di manzo
                                              15o gr. di fontina o caciotta bianca
                                              1 cucchiaio di capperi senza sale
    
                                        spicchio di aglio e 1 scalogno, olio sale e pepe

Preparazione:  Lavare i peperoni e tagliarli in quattro falde.scottateli in acqua bollente per qualche miniuto.  Scolarli e su ogni falda ponete una fettina di carne , una fettina di formaggio e qualche capperetto tritato e basilico.    In una padella con olio e aglio ponete gli involtini che avrete fermato con uno stecchino, e rosolateli per una ventina di minuti. Se necessario aggiungete un pochino di brodo per non farli attaccare. Una volta cotti mettere gli involtini senza stecchino in un piatto di portata irrorando con il fondo di cottura.

consiglio.....camicia

........chella camisa che non po' sta cu tico....

                                pigliala e stracciala..............
                                                ( se una persona non ci tiene a stare con te
                                                                       ....allontanela )

pensiero.....acqua

.......quando l'acqua ci arriva alla gola.......

                      è sciocco chiedersi se è potabile!!!!!!!!!!!!

consiglio.....amicizia

     .....amico cu' tutti............
                                                   'incunfidenzia cu' nisciuno........


domenica 26 giugno 2011

Tegame di peperoni e patate

         Per 4 persone:  Ingredienti:  patate gr.400
                                                    1 peperone giallo e 1 peperone rosso
cipolla gr. 100
fette sottili di pancetta affumicata
burro gr 30
olio d'oliva - aglio - prezzemolo
alloro - sale - pepe



preparazione:     Dividete i peperoni a metà, svuotateli interamente, lavateli e tagliateli a pezzetti.  pelate le patate e affettatele  ricavando delle rondelle alte circa un centimetro.  Tagliate a velo la cipolla e tritate uno spicchio d'aglio insieme ad una foglia di alloro....versateli in un largo tegame e fateli appassire in tre cucchiaiate di olio e il burro. Unite la pancetta a listarelle e distribuitela sulle verdure , incoperchiate e fate cuocere per 20/25 minuti minuti.   indi alzate la fiamma e togliete il coperchio affinchè tutto si rosoli..     Salate,pepate e cospargete con una cucchiaiata di prezzemolo tritato mescolando di nuovo. versate la preparazione in un piatto e servite .

sabato 25 giugno 2011

proverbio....pennello

.......a pil a pil se fa il pennello......



Involtini di bresaola.....

Dose per 6 persone
Ingredienti: bresaola a fette gr. 200
                    mascarpone freschissimo gr. 100
                    gorgonzola dolce gr. 80
                    una manciata di prezzemolo
                    fili di erba cipollina

Mondate il prezzemolo, poi lavatelo e tritatelo.
Versate in una ciotola il mascarpone e il gorgonzola, poi con un cucchiaio di legno lavorateli bene sino ad averli perfettamente miscelati insieme.
Usando un coltello distribuite la crema su tutte le fettine di bresaola, spalmandola bene, poi arrotolate ogni fettina e intingete le estremità dell'involtino nel prezzemolo tritato. A lavoro finito disponeteli su di un piatto, guarnendoli eventualmente con chioccioline di burro e legateli con un filo di erbe cipollina cadauno...Servire su un fondo di fresca insalatina o rughetta freschissima.

che ci sarà.!???????????

Siamo umani,     quanti dubbi,      quanti punti interrogativi
??????????
??????????????????????????????????????????????????????????????????????.


Ero in riva al mare e guardavo il cielo,
bello luminoso,
                     chi non pensa a....poi?

Ho immaginato una lunga scala , certo, ora,   fatico un po' a salirla,      ma è un salire inutile,   mi sono trovata in una nebbia  , poi erano finiti gli scalini ed ora?



 Il mistero è rimasto              intanto mi contento di quella luce che  è la vita...
.e aspetto che vengano costruiti altri scalini per svelarlo!!!!

Italia mia....." Lago rosso di Tovel "

Quando si vuole magnificare la bellezza di un Lago si dice che ha le acque terse, trasparenti, turchine come il cielo che le sovrasta......ma non sempre è così........


Il Lago di Tovel, è noto per le sue acque rosse....
Si tratta di un piccolo bacino montano, splendido....
lungo circa 1 chilometro e largo 6oo metri
in mezzo a foltissime abetaie che ospita un microrganismo, un animaletto che colora le acque in estate.......anzi che colorava..........
perchè dal  196o ...via via è diminuito e si spera ancora di poterlo far rivivere..............questo laghetto si trova  nel gruppo del Brenta.
Io, però ho avuto la fortuna di vederlo, perchè mio padre appassionato di montagna,( era il Presidente del Cai di Roma) ,   studioso dei Laghi in Italia.. mi conduceva  spesso a conoscere questi dettagli meravigliosi che ci sono in Italia........

ora è così

Addio lago di Tovel.....non ti preoccupare prima o poi qualcuno o qualcosa si farà per riportare la situazione ecologica al proprio equilibrio naturale........

proverbio ....napoletano

PIZZICHE E VASE  NUN FANNO PERTUSE
  E
                                           MANIATE E ZIZZ NUN FANNO CRIATURE


               ( pizzichi e baci non fanno buco....e smanettamenti niente"creature ")


















Consiglio....occasione

     ....Pigliate ' a bona occasione quanno de vene......


             .....ca' a malamente nun manca maje...................!

venerdì 24 giugno 2011

Melanzane al prosciutto

Raschiare e affettare per lungo 4 melanzane e farle cuocere in abbondante acqua salata.  Scolarle bene e lasciarle asciugare possibilmente al sole, distese su di un telo. In una casseruola, con poco burro ed olio, soffriggere 1 cipolla affettata, aggiungere 90 gr. di prosciutto crudo tagliato a dadini, mescolare  e unire qualche pomodoro fresco pelato e pepe. Aggiungere le fette di melanzana e farle cuocere a fuoco lento per circa mezz'ora. A cottura ultimata spolverizzare abbondantemente con del parmigiano fresco.



riflessine.....occhi

     LL'occhie so' peggio d'e scuppettate
 di un fucile........
                                       (      L'invidia può  far male più della pallottola di un fucile  )

considerazione tristenzuola...

......morta 'a criatura e mo nun simme cchiù compari.....

      ( finiti i bei tempi è finita anche la bella amicizia ....)

giovedì 23 giugno 2011

italia mia......" Pentedattilo" Calabria


...Io sono affascinata dai paesi fantasma....mi fanno rivivere una dimensione del passato......Mi piacciono le leggende locali...non saranno vere....ma  non importa.....
ruderi

e così quando viaggiavo andavo scovando tutti questi borghi scheletrici......Avevo sentito parlare di  Pontedattilo....e ci sono andata.....Mi ha colpito moltissimo.
Il Monte Calvario tiene fra le braccia  questo borgo caratteristico che è stato definito uno tra i più bei borghi italiani. Il suo nome Pentadattilo viene dalla forma del monte che ricorda una gigantesca mano. Si trova in una pittorescxa posizione.
E' pressochè disabitato , infatti mi pare solo 55 sono quelli che hanno resistito in questo paese antichissimo bizantino distrutto da vari popoli e anche da un terremoto.   E' visibile anche dal litorale.
Fra le infinite leggende si dice  che la ciclopica mano viene indicata come la mano del diavolo che si abbatterà sugli uomini per punirli della loro sete di sangue.....

Il paese si raggruma disordinatamente, mimetizzandosi con il masso di arenaria  alle  sue spalle.  Le sue case  sono spoglie e vetuste, pochi i viottoli che le collegano.  La rupe  declina  ad oriente  in un   pendio ricoperto da compatta e varia vegetazione, fichi d'india, frumento, mandorli, vigne ed ulivi

Oggi, Pentadattilo, è un icona turistica.

mercoledì 22 giugno 2011

aforisma ...bagaglio

....scrivere è viaggiare.....senza la seccatura dei bagagli....    
                                                                     

                                                              ( Emilio Salgari)

lunedì 20 giugno 2011

proverbio napoletano....mosche

     Int' a vocca chiusa non traseno mosche
                               ( meglio tacere che dire stupidagini )

dolce alla meringa

   un dolce da sturbo per chi ....vuole ingrassare.......o  è goloso!|

Ingredienti : 400  gr. di mascarpone - 100 gr. di panna da montare - 50 ml. di liquore di caffè - 2 tazzine di caffè ristretto - 100 gr. di meringhe sbriciolate - 30 gr. di cioccolato fondente a pezzetti - 12 savoiardi e 20 lingue di gatto - 2 uova - 2 cucchiai di zucchero


Preparazione: Montare i tuorli d'uova con lo zucchero e miscelare poi con il mascarpone, la panna,le meringhe sbriciolate, il cioccolato a pezzetti e le chiare montate a neve.
Con il liquore di caffè e il caffè e un bicchiere d'acqua preparare una bagna dove immergerete uno per uno i due tipi di biscotti. Fra uno strato e l'altro mettere il composto di cui sopra. Terminare   come si fa per il tiramisù...se volete ingrassare al massimo sbriciolate qualche amaretto. Va tenuto in frigo per almeno 5 ore.

E vai......la gente che mangia è felice!

Italia mia......" Sacro Monte" di Varallo Piemonte

....di ritorno da un viaggio dalla Terra Santa un frate e precisamente Bernardino Caimi,  colpito da questo viaggio in Palestina....era circa il 1400....un viaggio difficile ,  e già allora pericoloso...ebbe un'idea.....ricostruire in montagna i luoghi  sacri di Betlemme, Nazareth , Gerusalemme.e le tappe della Passione..
Passarono  quasi cento anni e nel 1491  . L' idea del frate si trasformò in progetto e questo immenso Santuario venne chiamato la Nuova Gerusalemme.

Sulla collina che domina Varallo è il Sacro Monte.

Famoso in tutto il mondo,oltre che a piedi e raggiungibile con una funivia.

La nuova Gerusalemme  è un complesso rappresentato da 45 cappelle immerse nel verde e adorno di circa 800 statue.
Notevole ...è su di una rupe (453 metri).

affreschi
E' un eccezionale opera d'arte, rappresentativa del costume dell'epoca e dell'arte lombardo piemontese di quel periodo.  Si può senz'altro affermare che la collaborazione  giovò molto a  ciascuno degli artisti che qui hanno lasciato le loro opere migliori.

statue


E' stato dichiarato
Patrimonio mondiale dell'Umanità